La felicità è un biglietto aereo. Per Bangkok, ma anche per Siem Riep

Ma allora è vero. E’ vero che partiamo, è vero che finalmente andremo in Cambogia. La Cambogia che sognavo da oltre 15 anni (ho in casa una guida del 2003) finalmente mi apparirà sotto gli occhi increduli. Potrò passeggiare ad Angkor come ho visto nei film. Potrò arrivare a Battambang sulla barca, dimenticando il tempo. Potrò immergermi nell’Asia dei desideri, dei travel dreams di tutti gli anni in cui li ho scritti.

Poi ecco, è arrivato un anno in cui non li ho scritti e un altro ancora. E quest’anno ne ho realizzati due (a luglio sono stata a Creta, che ho desiderato a lungo, anche se con minore intensità). E mentre non scrivevo e un po’ ancora però viaggiavo, è arrivato l’anno giusto.

Abbiamo i biglietti, le guide, le prenotazioni di alcuni hotel, un itinerario di massima. E un primo approdo a Bangkok, per tornare e vedere ciò che ci eravamo persi a causa del brutto attentato.

Il 2019 è un anno fortunato.

Partiamo il 14 sera. E io ho gli occhi a cuore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...