Una settimana su e giù per la Francia meridionale

img_2987L’idea per questo viaggio on the road è partita da una meta specifica: Bordeaux. Bordeaux considerata città top destination per #bestintravel2017 secondo Lonely Planet. Noi ci siamo andati in macchina da Milano, con un viaggio on the road nella settimana da Capodanno all’Epifania.

A posteriori vi sconsiglio questo periodo. Se anche non temete il freddo sappiate che per esempio le piccole crociere sui fiumi non sono ancora aperte e che la nebbia può rovinarvi i panorami più volte.

img_2893A Lione ci siamo fermati tre giorni. La città si gira facilmente a piedi ed è piena di angolini graziosi che val la pena di ammirare.

I punti che ho amato di più:

  • Il mercato coperto. Lione è la capitale gastronomica di Francia e il suo mercato coperto è uno splendore di negozi di alimentari chic, dal vino alle ostriche (giuro, c’era gente che degustava ostriche alle 10 del mattino e io dovevo ancora fare colazione) ai tartufi.
  • Vieux Lyon vista dal ponte. Sembra una città giocattolo.
  • Il giardino della Tete d’Or, con dentro un orto botanico magnifico e pure un’area coi cerbiatti. I cerbiatti in centro. Una tenerezza indescrivibile.

img_2916Lasciata Lione abbiamo attraversato la Francia centrale per arrivare a Bordeaux. A parte il già citato clima (e la nebbia, per l’appunto), di per sé è stato un bellissimo trasferimento: i paesaggi cambiavano continuamente sotto i nostri occhi, trasformandosi da campi coltivati a dolci colline ad aspre montagne.

img_2947Prima di arrivare a Bordeaux abbiamo fatto una tappa a St. Emilion, paesino a circa 40 km dalla città. La deviazione in mezzo ai vigneti è deliziosa (e se viaggiate in moto amerete il percorso a curve) e il paesino un piccolo gioiello, straordinariamente ben curato. Basta mezz’ora per vederlo, a meno che non decidiate di cogliere l’occasione per fare un giro di assaggi tra le meravigliose vinerie.

img_2976Bordeaux è una città relativamente piccola e si gira a piedi agevolmente. Per vedere l’area patrimonio UNESCO basta una giornata, ma ce ne vuole un’altra, a parte, solo per la Citè du Vin. Noi non siamo così appassionati, ma penso che per chi ama il vino sia una tappa irrinunciabile. I punti che ho amato di più:

img_2955

  • Lo spazio di co-working Darwin, simbolo della rinascita della città;
  • Il parco cittadino e annesso giardino botanico: c’erano gli scoiattoli!
  • Il Duomo super-gotico (come tutti quelli che abbiamo visto in questo viaggio)

Il giorno successivo ancora è stato un altro giorno di trasferimento, verso Carcassonne. Prima di dirigerci lì però siamo andati verso l’Oceano, per vedere la Dune du Pilat, a circa 60 km da Bordeaux. Purtroppo era una giornata nebbiosissima, non solo non abbiamo visto lo splendido panorama promesso dalla guida, pur arrivando fino in cima non riuscivamo nemmeno a vedere l’Oceano. Infatti l’Oceano siamo scesi a guardarlo dalla località balneare di Archachon e comunque non si vedeva tanto bene neanche lì. Il che ci dà una buona ragione per desiderare di tornare.

img_3003La mattina dopo abbiamo visitato Carcassonne. Si stratta di un piccolo borgo medievale tenuto come una bomboniera. E’ una meta turistica molto amata, che già desideravo vedere l’anno scorso e sono felice di esserci riuscita quest’anno. Contrariamente a tutte le altre destinazioni di questo nostro piccolo tour, ho preferito vedere Carcassonne a gennaio: il vento era davvero gelido e crudele, ma c’erano pochissimi turisti e abbiamo potuto gustare ogni angolino con calma, senza la ressa che certamente richiama una destinazione simile nella bella stagione.

img_3008Nello stesso giorno abbiamo raggiunto anche il Pont-du-Gard, imponente acquedotto romano e l’anfiteatro di Nimes, un’altra splendida opera sempre risalente a quel periodo storico.

E con un giretto a Nimes si è conclusa la nostra settimana di tour invernale per la Francia del Sud.

E’ stato davvero un ottimo inizio di 2017, che spero mi porterà ancora in giro per il mondo nei prossimi mesi. Voi siete già andati da qualche parte dall’inizio dell’anno?

Annunci

4 pensieri su “Una settimana su e giù per la Francia meridionale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...